Neonato

Si definisce “neonato” il bambino nel primo mese di vita.
Nel caso di parto prematuro, la definizione si estende dalla nascita a un mese dopo la data presunta del parto.

Durante questo periodo spesso i neo-genitori si sentono “abbandonati” perché l’ospedale propone solo un controllo 2-3 giorni dopo la dimissione, mentre il pediatra di base prende in carico il bambino a partire dal cosiddetto bilancio di salute al termine del primo mese.

In questo periodo così delicato sono a disposizione per visite personalizzate e accurate a casa vostra.
Ogni visita dura circa 2 ore e comprende:
– controllo del peso del bambino
– controllo dei ritmi sonno/veglia e del benessere del neonato (prevenzione ittero, etc.)
– cura del cordone ombelicale
– controllo del seno, della montata lattea, dell’allattamento e prevenzione di ragadi, ingorgo e mastite
– prevenzione delle coliche (mal di pancia del neonato)
– consigli sull’alimentazione della mamma
– controllo dei punti in caso di sutura per lacerazione perineale, episiotomia o taglio cesareo
– esercizi di riabilitazione perineale per riattivare la muscolatura e prevenire/curare l’incontintenza urinaria e il prolasso
– informazione sui servizi territoriali (consultorio, etc)
– coinvolgimento del papà nelle cure quotidiane a mamma e bambino

Inoltre, alle clienti delle visite domiciliari è offerta anche reperibilità telefonica gratuita 7/7.

NB: Se la salute di madre e neonato lo consente, si può tornare a casa anche a poche ore dal parto con la dimissione protetta dall’ostetrica di fiducia. Conoscere da subito il neonato e rispettare i suoi ritmi favorisce la riuscita dell’allattamento al seno e non comporta rischi grazie a visite quotidiane di due ore di un’ostetrica esperta in relazione costante con l’ospedale.